FINE DEI SOGNI PLAYOFF
Lunedì 27 Aprile 2015 22:37

 


Scritto da Paolo Di Grazia

 

S’infrangono a Bologna, nell’anticipo della 38^ giornata, le residue speranze del Catania di poter agganciare in extremis la zona playoff. Troppo rinunciatari, privi di gioco e di idee, i rossazzurri stasera hanno dato via libera ad un avversario che non ha faticato più di tanto per aggiudicarsi i tre punti in palio. Un 2-0 netto per i felsinei, maturato in virtù delle reti, una per tempo, realizzate da Cacia e Sansone, che consentono alla formazione allenata da Lopez di conquistare momentaneamente il secondo posto in classifica (in attesa delle gare di domani) che garantisce la promozione diretta in serie A. Traditi, anche dai nervi, i rossazzurri che hanno concluso in dieci la gara, par l’espulsione, nel secondo tempo, sul punteggio di 1-0(quindi con il risultato ancora rimediabile), comminata a Calaiò, ammonito prima per un inutile fallo a centrocampo su Laribi, e poi per proteste. E non è la prima volta che Calaiò, con questo comportamento da “prima donna”, fa solo danno alla squadra. Se si eccettuano un paio di fiammate nei primi quindici minuti della ripresa (tentativi in attacco di Sauro e Maniero), il Catania visto questa sera non è mai entrato realmente in partita, concedendo campo e gioco ad un avversario grintoso e determinato, che in alcuni frangenti del match, ha giocato, con la bava alla bocca. Discutibile, a nostro avviso, anche l’impostazione tattica scelta da Marcolin, che in fase di ripiegamento ha sofferto tremendamente le soventi ripartenze bolognesi, complice l’assenza di un adeguato filtro a centrocampo, con Rinaudo e Coppola che giravano a vuoto, ed una disposizione difensiva tropo superficiale (ha pesato come un macigno l’assenza del centrale difensivo Schiavi), con gli esterni Mazzotta e Belmonte, in palese difficoltà, assieme a Ceccarelli, nelle chiusure. Non è comunque, il caso di far drammi. Il Catania ha dato tutto quello che poteva dare in questo ultimo mese di campionato, conquistando ben cinque vittorie di fila che le consentiranno di agguantare una salvezza che sembrava irrimediabilmente compromessa. Adesso, in queste ultime quattro gare di campionato, occorrerà conquistare almeno altri tre punti, utile a garantirsi la permanenza aritmetica in Serie B, pensando a programmare la prossima stagione e cercando di non ripetere gli stessi errori di questa tribolata annata.

 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna