Pagelle rossazzurre: TERRACCIANO PARATUTTO, CAPUANO STOICO, RINAUDO IRRICONOSCIBILE
Domenica 29 Marzo 2015 18:00

 


Scritto da Enrico Di Grazia

 

TOP Terracciano 7,5
FLOP Rinaudo 4

Terracciano 7,5: la grande parata di piede su Arini, il doppio intervento miracoloso sulle conclusioni di Schiavon e Regoli e, per ultimo, a 5’ dalla fine, il volo di istinto sul colpo di testa di Castaldo. Bastano e avanzano questi episodi per guadagnarsi la palma di migliore in campo.

Del Prete 5: sempre puntuale quando si tratta di accompagnare l’azione, segno evidente di crescita fisica, è costantemente impreciso nei cross. Ma i problemi maggiori li ha quando deve difendere: se non ha l’aiuto in raddoppio di Sciaudone, non riesce praticamente mai a fermare Zito dal suo lato.

Sauro 5,5: gioca appena mezzora, in marcatura stretta su Comi, prima di infortunarsi ed essere sostituito da un ispirato Capuano.

Ceccarelli 5: ancora lento e impacciato, si serve del senso della posizione e dell’esperienza per comandare la difesa, ma nel gioco aereo viene anticipato spesso e volentieri dagli attaccanti avversari.

Mazzotta 6: spinge e difende molto bene nei primi 45’, nel secondo tempo chiede il cambio, ma è costretto a stringere i denti e a occuparsi esclusivamente di difendere, dopo il terzo e ultimo cambio obbligato di Odjer.

Sciaudone 6: schierato nel suo ruolo più congeniale, come mezzala, si vede a sprazzi davanti, ma quando c’è da soffrire e raddoppiare sull’avversario, non si fa mai pregare.

Rinaudo 4: una delle prestazioni più deludenti del Fito, da quando indossa la maglia del Catania. Si fa fatica a contare tutte le palle perse sulla mediana, che hanno conseguentemente scatenato ripartenze e occasioni gol per l’Avellino. Male anche quando è chiamato a far ragionare la squadra.

Odjer 6,5: se Fito non gira, ci deve pensare questo giovane vecchio, gioiello assoluto di questa squadra, a far ragionare il centrocampo. Sembra uno di quei mediani navigati, capaci di far respirare la squadra procurandosi falli e distribuendo gioco. Impressionante fisicamente, lo trovi praticamente su tutti i palloni fino a quando non si infortuna, al 68’.

Rosina 6: facile prendersela con lui, dopo tutte quelle occasioni sprecate per andare al raddoppio. Ma si deve pure pensare al gran lavoro di quantità del numero 10, che percorre ogni volta una quantità incalcolabile di chilometri, mettendo il cuore al servizio della squadra e, di conseguenza, perdendo lucidità sotto porta.

Maniero 5: spento e fuori dalla manovra. Sembra lontano anni luce il temibile centravanti ammirato con la maglia del Pescara e nelle prime apparizioni in maglia rossazzurra.

Calaiò 7: è lui il faro dell’attacco del Catania, lui che sgomita sui suggerimenti in verticale, e poco invitanti, dei compagni. Cuore, grinta e gol vittoria. Difficile pretendere di più.

Subentrati
Capuano 7: con ogni probabilità, l’infortunio di Sauro dopo mezzora ha giocato a favore di Marcolin, vista l’ottima prestazione sfoderata dal giocatore napoletano. L’unico tra i difensori capace di interventi determinanti nell’uno contro uno, mentre il salvataggio sulla linea sul tiro a botta sicura di Soumarè vale praticamente un gol.

Castro 6,5: dentro al 57’ per Maniero, dà quella imprevedibilità voluta dal suo mister, facendosi valere nell’uno contro uno. Al 78’ va vicino al 2-0, ma il palo gli dice di no.

Escalante 6: sostituisce Odjer al 68’ e, anche se non ha la stessa qualità del giovane ghanese, rispetta le indicazioni dell’allenatore disputando una partita attenta e difensiva.


Marcolin 6: accantonata, finalmente, la difesa a cinque, si è visto sicuramente un Catania in difficoltà, è vero, ma pur sempre un Catania desideroso di costruire gioco e, addirittura, di andare al raddoppio nell’ultimo quarto d’ora con l’Avellino sbilanciato. D’altronde, le vittorie sofferte sono quelle che possono compattare un gruppo e fare morale. Tutti segni positivi, ma se non si cambia passo in trasferta, si lotterà punto per punto, fino all’ultima giornata, per evitare la Lega Pro.

 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna