Pagelle rossazzurre: GILLET SALVA TUTTO, MAZZOTTA INSTANCABILE, MARCOLIN TROPPO PRUDENTE
Martedì 10 Marzo 2015 21:57

 


Scritto da Enrico Di Grazia

 

TOP Mazzotta 6,5
FLOP Sciaudone 5

Gillet 6,5: un suo miracoloso riflesso salva la porta al 25' st. È l'unico intervento della sua gara, ma è anche determinante, anche perché il tiro era stato pericolosamente deviato da un difensore del Catania.

Sauro 5,5: in difesa fa vedere qualche buon intervento, ma è quasi sempre impreciso negli appoggi. Se l’azione parte dai suoi piedi, è sicuramente una palla persa.

Ceccarelli 5: primo tempo da incubo per l'esperto difensore, dove non solo si becca un'ammonizione ingenua, ma perde un pallone pesantissimo che porta al palo di Garritano del Modena. La condizione fisica non lo aiuta.

Schiavi 5,5: un po' troppo irruente a inizio match, poi prende le misure agli avversari, ma al 3’ st si perde Ferrari che va vicinissimo al gol di testa.

Del Prete 6: discreta gara fino all’infortunio accusato dopo quasi un’ora di gioco. Dopo 17’ manca l’appuntamento con il gol, optando per un inutile pallonetto a pochi metri dalla porta di Manfredini.

Rinaudo 5: tanti, troppo palloni persi dal mediano argentino. Nel secondo tempo, all’ennesimo possesso regalato, merita il secondo giallo, ma viene graziato dal mediocre Chiffi. Da rivedere.

Sciaudone 5: nei primi minuti del match prova spesso l’inserimento in area, poi scompare completamente dal match dovendosi occupare più di coprire. Non entra mai nel vivo del gioco, soprattutto dopo che viene schierato largo a destra.

Mazzotta 6,5: sempre molto attivo sulla fascia, dalle sue parti arrivano gli spunti più interessanti del Catania. Semplicemente instancabile, ma nel primo tempo, dopo una grande sgroppata, non ha la lucidità di servire Maniero, solo in area di rigore.

Rosina 6: si fa vedere molto nel primo tempo, dove dialoga bene con Mazzotta. Nella ripresa si vede solo su un calcio piazzato e, a 15’ dalla fine, con un potente sinistro che sfugge al portiere e propizia il quasi gol di Rossetti.

Castro 6: un Castro ancora ispirato, si muove bene sulla trequarti, mettendo in mostra la sua specialità, l’uno contro uno. Conclude poche volte verso la porta avversaria, preferendo di più cercare Maniero. Nel primo tempo, liscia un buona palla vagante a pochi passi dalla porta.

Maniero 6: si abbassa spesso per pressare il portatore di palla e usa il fisico per far salire la squadra. Al 20’, spara alto da buona posizione sull’ottimo suggerimento di Castro. Al 70’, come spesso accade, viene inspiegabilmente sostituito.


Subentrati
Escalante 5,5: in mezzo al campo non fa rimpiangere Sciaudone, anzi è più utile in copertura, ma davanti si vede poco. Rossetti 6: buon impatto sulla gara per il giovane rossazzurro, che se non fosse stato per la traversa avrebbe trovato la rete del vantaggio. Sfortunato.

Marcolin 4,5: quanto potrà durare questa tattica dello 0-0 non lo sappiamo, di certo c’è che questo approccio non aiuta psicologicamente i suoi ragazzi, che infatti appaiono insicuri, confusi e imprecisi, quando si tratta di costruire l’azione. La ciliegina sulla torta della sua prestazione è la solita strana sostituzione di Maniero, addirittura al 70’. Va bene Rossetti, ma perché togliere l’unica punta di ruolo? Mistero.

 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna